sabato 30 aprile 2011

Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi

Per Pasqua ho preparato questa torta, la ricetta è il risultato di un errore, ma un risultato positivo.
Le decorazioni sono le uova che hanno decorato i miei bimbi durante la settimana in cui il marito non c'era, la scuola di Ely era chiusa e lei e Andre erano malati; in poche parole non sapevo più come intrattenerli mentre fuori c'era un tempo STUPENDO e tutta Bruxelles era nei parchi, che qui, grazie a Dio, non mancano.





(le dosi sono doppie)

600 gr cioccolato fondente
250 gr margarina
300 gr zucchero
12 uova
6 cucchiai alkermes
1 cucchiaino di peperoncino
circa 2 cucchiai di farina

sciogliere il cioccolato con la margarina
montare le uova con lo zucchero
incorporare il cioccolato fuso alle uova montate
aggiungere l'alkermes, il peperoncino e  +/- 2 cucchiai di farina

cuocere in forno caldo per 40 min a 180°

Auguri Amore

Il 17 era il 32simo compleanno del marito, ma lui non c'era, era in Sardegna.
Pensavamo di festeggiare il giorno del suo rientro, ma dovevamo partire (poi non siamo partiti) perciò mi serviva qualcosa che avrebbe resistito a 6ore di macchina.
BISCOTTI
ho usato due ricette
1. 200gr farina
    2 cucchiai Olio Extra Vergine
    1+ 1/2  cucchiaio zucchero
    1 bustina zucchero vanigliato (+/- 3 cucchiaini)
    1 cucchiaino lievito
    1 pizzico sale
    3-4 gocce limone
    acqua q.b.

lasciare riposare in frigo 10-15 minuti
cuocere per 30-35 min a 180° (verificare la doratura)

2. 350 gr farina
    50 gr fecola (o amido per dolci)
    200 gr zucchero
    2 uova
    100 gr olio EVO
    1 cucchiaino lievito
    3-4 gocce limone
mescolare le uova con l'olio
aggiungere lo zucchero, la farina, il lievito, le gocce di limone
lavorare e lasciare riposare in frigo per 15-20 minuti
cuocere per +/- 15 minuti in forno caldo a 180° (verificare la doratura)

a una parte della frolla della seconda ricetta ho aggiunto 2 cucchiai di cacao (una volta fatta riposare la frolla era un po' sbriciolevole, ma è bastato lavorarla un po' di più)

questo è il risultato del lavoro mio e dei bimbi.ci siamo stancati ma divertiti e poi erano felicissimi di far vedere al papy quali avevano fatto loro
la nostra family

la montagna di biscotti (riempivano una scatola di latta per panettoni)







caramella semi-morbida (quelle un po' gommese con zucchero sopra) messa nel centro (risultato dopo passaggio in forno)

orsetto di ely

fagottino fuori
fagottino dentro
il risultato del nostro amore 1
2 diversità "perfettamente" amalgamate

il risultato del nostro amore 2
2 diversità che si completano

idem
i cuoricini di ely e andre

domenica 17 aprile 2011

RIFLESSIONI

dopo aver girovagato per i vari blog, culinari o familiari,
dopo varie notizie di amici e conoscenti
dopo il post di ieri (non mio)
dopo tutto questo, mi è venuto da pensare (e anche da piangere, A..M se mi leggi mi dispiace veramente tanto per te, per voi)
è vero che la vita a due è complicata, se ci sono figli forse anche di più.
è vero che il ritmo di vita che conduciamo è spesso logorante,
è vero che si cambia,
è tutto vero,
ci sono giorni in cui ti chiedi perchè l'hai fatto (di sposarti)
ci sono giorni in cui i giuramenti che hai fatto davanti a Dio e agli invitati, li mandi al diavolo
ci sono giorni in cui non hai voglia di lottare
ci sono giorni in cui la vita non è come l'avevi programmata
ECCO IL PROBLEMA
prendiamo me:
i miei genitori si amano come il primo giorno, anzi molto di più, non gli ho mai sentiti litigare davvero e ho sempre pensato che la vita di coppia fosse così. volevo fosse così
una volta sposata, dopo l'iddillio iniziale, ho iniziato a chiedermi se ero io sbagliata o mio marito e, a parte aver capito che lo siamo entrambi, ho capito che i litigi più grossi li abbiamo quando non vogliamo lasciare che l'altro sia così com'è. quando lo vogliamo come pensiamo debba essere.
la verità è che i miei si lasciano liberi, questo non vuol dire essere una coppia "aperta", ma vuol dire che l'altro è semplicemente UN ALTRO, uno diverso da noi, dall'ideale nostro,dal volere nostro.
i problemi inziano quando pretendiamo che sia questo altro a renderci felici. è chiaro che deve far parte della nostra felicità, ma non ne può essere l'artefice. l'altro è un essere umano, come noi.
la nostra felicità dipende dall'essere disposti ad accettare la vita e l'altro così com'è. certo che si può migliorare, si deve anzi, ma non può essere un'imposizione.
la nostra felicità viene dal sentirci amati veramente, pienamente, incondizionatamente e, può sembrare stupido, insensato, folle, ma solo DIO può farlo.
penso che un matrimonio non possa resistere sulle sole forze degli sposi,
è vero prima le coppie resistevano per senso del dovere, del sacrificio, che alla mia e alle nuove generazioni mancano,
ma io parlo dell'amore.
se non ti senti amato, non riesci ad amare.
se non ti senti supportato, non riesci a supportare
nei momenti di difficoltà se non hai qualcosa di solido su cui aggrapparti come si fà ad andare avanti
penso che per far reggere BENE un matrimonio bisognia "costruire la propria casa sulla roccia" che è Dio.
solo così si possono superare tempeste, frane e evitare tentazioni e errori difficili da riparare.

tutto questo vale anche con i figli. con i genitori. con i fratelli. gli amici.
quando lascio che i miei progetti sfumino senza disperarmi, quando educo i miei figli senza arrabbiarmi, quando amo mio marito anche nel momento in cui non è molto amabile, in quei momenti non sono io a lottare,ma Dio

sabato 9 aprile 2011

saggezza infantile 2

ma insomma chi è la mamma io o tu. 


ely: io


a sì? chi ha tenuto chi per 9 mesi in pancia? 


ely: io


allora fammi vedere la cicatrice


ely: se è per quello non dovevi averla neanche tu, io volevo restare nella tua pancia.non volevo uscire.
perchè?
ely: ci stavo meglio, c'era più caldo

giovedì 7 aprile 2011

gialla come er sole rossa come er core

Il 28 era il compleanno di mio cugino, ma era di lunedì, così quando è venuto a casa questo week-end gli ho preparato questa tortina. (tempo record : 1h30)
(solita ricetta ma con aggiunta di due cucchiai di alchermes nell'impasto e nessuna bagna)
decorazione e copertura in pdz








19 anni, 1 cuore giallo rosso

domenica 3 aprile 2011

saggezza infantile

oggi niente ricetta
oggi solo due righe per sorridere

4 giorni fà
Ely (mia figlia): mamma, papà, ho male alle ginocchia
Roby(marito): amore non preoccuparti sono dolorini della crescita

3giorni fà
Ely e Andre scoprono Peter Pan
ieri
Ely: mamma voglio andare sull'isola che non c'é
io: perché?
Ely:cosí non cresco
io:perché non vuoi crescere?
Ely:cosí non mi fanno male le ginocchia